cbpm01000c@istruzione.it Tel.: +039 0875 689006, Liceo Tel. +039 0875 689054

Visite: 22

Contestualmente all'iscrizione è richiesta la sottoscrizione da parte dei genitori e degli studenti del seguente Patto educativo di corresponsabilità, finalizzato a definire in maniera dettagliata e condivisa diritti e doveri nel rapporto tra istituzione scolastica autonoma, studenti e famiglie.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’

Diritti e doveri di alunni, docenti, genitori (DPR n. 235 del 21/11/2007)

Il patto educativo di corresponsabilità è la dichiarazione esplicita e partecipata degli studenti e dei genitori per sancire l’impegno reciproco sui diritti e sui doveri con l’istituzione scolastica e sulla collaborazione con i docenti, nel rispetto della legislazione e della normativa vigente, per perseguire gli obiettivi educativi e formativi dell’Istituto esplicitati dal POF e stabiliti dagli Organismi della scuola.

Esso recepisce le disposizioni del DM n. 139/07 che stabilisce in 10 anni la durata del nuovo obbligo scolastico e la necessità di richiamare l’attenzione dei genitori e degli studenti sulla rilevanza e sulle implicazioni che questo aspetto assume.

Esso scaturisce dal nuovo Statuto delle Studentesse e degli Studenti stabilito con il DPR n. 235 del 21 novembre 2007.

Il Patto di Corresponsabilità è l’insieme delle norme e dei comportamenti che i genitori e gli alunni si impegnano a rispettare, come tutte le componenti scolastiche, per il proficuo svolgimento dell’attività educativa e formativa.

Il Patto riguarda tutte le attività dell’istituto volte alla realizzazione delle finalità specifiche della scuola assumendo la centralità dell’alunno nel processo formativo.

Il Patto interessa tutte le attività curriculari, extracurriculari e integrative e richiede la piena osservanza del Regolamento d’Istituto nel rispetto dello Statuto degli Studenti e delle  Studentesse.

Il principio fondamentale del Patto è l’assunzione di responsabilità sia individuale che collettiva  che deve contraddistinguere la vita della scuola come comunità formativa.

Il Patto, quindi, consiste nell’obbligo, volontariamente sottoscritto, per ciascuna componente, di rispettare i seguenti impegni:

L’Istituto deve:

  • Fornire indicazioni chiare e complete sul suo piano formativo attraverso il PTOF;
  • Comunicare, quando necessario, secondo procedure regolamentate, alla famiglia la situazione di ogni alunno in merito ai suoi apprendimenti e comportamenti;
  • Rilevare e valutare aspettative ed esigenze delle famiglie e degli studenti per fornire un servizio adeguato alle richieste;
  • Mettere in atto attività sistematiche di recupero e sostegno per la soluzione di problemi di apprendimento per studenti in situazione di svantaggio o in difficoltà;
  • Promuovere attività di approfondimento e potenziamento, anche al di fuori della scuola, per gli alunni meritevoli, e attivare sistemi per la premiazione e il riconoscimento delle eccellenze;
  • Intervenire in caso di comportamenti non accettabili degli studenti, a scopo principalmente educativo, in rapporto di dialogo con la famiglia.

I Genitori devono:

  • Garantire una efficace collaborazione scuola – famiglia;
  • Osservare le nuove disposizioni riguardanti l’obbligo scolastico;
  • Collaborare con l’Istituzione scolastica nella definizione delle scelte educative;
  • Favorire il rispetto ed il corretto sviluppo delle attività didattiche;
  • Istaurare collaborativi e proficui rapporti, anche propositivi, con i docenti e l’Istituto;
  • Promuovere, nei loro figli, atteggiamenti di rispetto, collaborazione e solidarietà nei confronti di tutti a prescindere dalle condizioni e dal ruolo che rivestono;
  • Attivarsi per garantire il rispetto dell’orario di entrata e di uscita degli alunni, nonché una frequenza assidua alle lezioni, limitando le eventuali richieste di uscita anticipata o di entrata posticipata solo per motivi effettivamente validi e                       significativi;
  • Vigilare sull’esecuzione dei compiti assegnati e sul lavoro di rielaborazione a casa;
  • Partecipare agli incontri periodici scuola – famiglia previsti dal calendario scolastico;
  • Informarsi in modo frequente, anche mediante registro elettronico, sui risultati scolastici raggiunti dai propri figli;
  • Autorizzare preventivamente per iscritto, contestualmente alla sottoscrizione del presente Patto, le eventuali uscite previste per attività connesse con la didattica che si svolge in orario scolastico o nell’arco di una giornata;
  • Rispondere direttamente dell’operato dei propri figli quando violino i doveri sanciti dal regolamento di Istituto e dallo Statuto Studentesse e degli Studenti per danni arrecati alle persone e alle cose.

Gli alunni devono:

  • Rispettare il regolamento di Istituto;
  • Rispettare le diversità e la sensibilità altrui;
  • Essere disponibile al dialogo e tolleranti delle opinioni altrui;
  • Perseguire gli obiettivi del percorso di studi presentato dai docenti;
  • Prendere nota e svolgere i compiti assegnati;
  • Partecipare con impegno ed attenzione alle lezioni collaborando   attivamente allo svolgimento di esse;
  • Essere presenti in classe in occasione delle verifiche programmate;
  • Rispettare il lavoro dei docenti e lo stile di insegnamento, segnalando ad essi eventuali difficoltà nell’apprendimento, anche attraverso il coordinatore di classe;
  • Rispettare gli orari d’ingresso e di uscita dalla scuola:
  • Mantenere un comportamento corretto durante l’uscita e l’entrata, durante il cambio dei docenti, negli spostamenti nell’edificio e durante le uscite didattiche e i viaggi d’istruzione;
  • Portare il corredo necessario per il lavoro scolastico (libri di testo, quaderni, altro...);
  • Rispettare e usare correttamente le strutture, le attrezzature e i materiali della scuola sapendo di poter essere chiamati a rispondere economicamente di eventuali danni arrecati, secondo il principio di corresponsabilità sancito nello Statuto delle     Studentesse e degli Studenti;
  • Contribuire a rendere accogliente l’ambiente scolastico come importante fattore di qualità della vita della scuola con atteggiamenti educati e rispettosi del bene comune;
  • Rispettare tutti gli operatori della scuola e i compagni di calesse e di istituto;
  • Rispettare le norme di comportamento dei vari ambienti scolastici utilizzati e quelle specifiche previste dal piano di sicurezza interno e le relative modalità di evacuazione.

I Docenti devono:

  • Organizzare i percorsi didattici e formativi degli studenti scegliendo modalità di lavoro e metodologie di insegnamento commisurate alla situazione della classe;
  • Illustrare ai propri studenti gli obiettivi didattici ed educativi dell’istituto e della propria disciplina;
  • Illustrare alla classe il lavoro che si svolgerà nel corso dell’anno e le competenze  che si acquisiranno a fine percorso;
  • Rendere noti gli obiettivi delle prove di verifica;
  • Limitare di norma ad una le prove scritte programmabili per lo stesso giorno;
  • Rendere noto immediatamente i risultati delle verifiche orali;
  • Comunicare entro 15 giorni i risultati delle verifiche scritte e grafiche;
  • Favorire un clima relazionale corretto, la socializzazione, la collaborazione e la creazione di un ambiente educativo sereno e rassicurante;
  • Favorire l’accettazione dell’”altro” e la solidarietà;
  • Favorire momenti di ascolto e di dialogo;
  • Favorire un orientamento consapevole;
  • Accettare la libera espressione delle idee;
  • Ascoltare i bisogni e le osservazioni degli studenti espresse con fini costruttivi;
  • Ascoltare le osservazioni dei genitori volte a favorire il corretto sviluppo del processo formativo;
  • Informare i genitori delle difficoltà o del disagio che i figli eventualmente dimostrino nella vita scolastica sia nell’aspetto comportamentale che nell’apprendimento;
  • Essere disponibili a informare regolarmente le famiglie sugli aspetti didattici e disciplinari degli studenti con le modalità stabilite dal Collegio dei Docenti;
  • Rispettare quanto scritto nel Patto di corresponsabilità.
Torna all'inizio del contenuto